Tag Archives: interviste

It’s been a while.. last post, bye bye.


Burning Nights ha ormai chiuso i battenti, più che altro per mancanza di tempo da parte di Giack (unico factotum di BN, nonché io) che non riesce più a stare dietro alle “tempistiche redazionali” (un post di Burning Nights normalmente richiede minimo due giorni full time di lavorazione) che Burning Nights richiedeva.

Può essere che posti qualche video bootleg o intervista di tanto in tanto sul canale youtube che conoscete di sicuro se leggete queste pagine, ma non credo avrò più tempo per redarre articoli .

é stato bello finché é durato, forse ci si rivedrà sotto qualche palco, forse no.. non smettete di andare ai concerti, sopratutto a quelli gratis o che costano poco. La crisi non ha nulla a che vedere con la cultura, anzi la Cultura può essere un ottimo modo per uscire dalla crisi che ingrigisce le nostre vite. Rinunciarvi, alla cultura in ogni forma, é la peggior cosa che peggiore che possiate fare a voi stessi. La Cultura si mangia, bisogna solo andare a cercarla, e mangiatene tanta, perché é un bene comune e deve essere per tutti.

Divertitevi, acculturatevi, promuovetela, sovvenzionatela se potete, insomma.. tutto ma non chiudetevi in casa. C’é ancora vita su questo pianeta, difficile dire per quanto.. approfittatene.

Sul canale youtube trovate qualche videobootleg tratto dal live dei Portishead a Villafranca di Verona. 26 giugno 2012 gli ultimi pensati per Burning Nights. Ma l’ultimo videobootleg che voglio postarevi é stato un esperimento per una band che é nata da pochi mesi, e che già promette bene.. dalle ceneri ancora calde dei Black Wojtyla, che hanno ispirato la nascita di questo blog, rinascono i Bellatesta.. non intendo aggiungere niente, proprio perché smetto di scrivere articoli.. però la musica parla da se.. non perdeteveli live 😉

Tutti i canali restano aperti, se volete comunicare con me fatelo pure. Leggerò e vi risponderò appena mi sarà possibile.

E in fine i ringraziamenti.. Ringrazio tutti, gli organizzatori culturali che in qualche modo tengono ancora vivo questo paese, gli artisti che si sono prestati a fare due chiacchiere con un cazzone qualsiasi a fine concerto, chi ha saltato (e salta ancora) con me sotto i palchi, chi é andato e chi é tornato, chi ha vibrato per un’emozione o per una botta di bassi sottopalco, chi ha letto gli articoli, chi li ha amati e chi li ha odiati, chi li ha consigliati ad un amico, chi ha guardato un ‘intervista o un videobootleg, chi ha apprezato, e anche chi no. é stato bello.

Vi ringrazio.

Beh.. ora si é fatta una certa.. Un salutom, bye! Bye! A Presto!

Giack

P.S.: ringrazio anche quegli stronzi dell’ Ass. Cul. Aucanize che hanno segnalato uno dei videobootleg che ho girato sugli Aucan durante il Miami 2012 per Burning Nights, ora non posso più uploadare video più lunghi di 15 minuti, se proprio vi dava fastidio, Stronzi, potevate contattarmi privatamente, ma avete preferito accanirvi con un blogger che ha avuto l’ardire di promuovervi, dopo aver pagato il biglietto per il vostro concerto e, senza recepire (ne richiedere) alcun compenso per quel video… vi auguro di strozzarvi coi soldi che fate, e che chi concepisce la musica in altro modo vi surclassi.. anche se so che non accadrà mai abbastanza presto, vi auguro di essere, artisticamente, dimenticati.

Advertisements

MiAmi 2012 Day 1 (1/2): Thony Amor Fou, Carnesi, Aucan.


Quest’anno gli amici di 1080Pixels non hanno preso lo stand, ma sono comunque riuscito a convincere i gentilissimi ragazzi di Rockit di essere un fotografo superfigo, quindi ho ottenuto il pass per andare sottopalco. Scherzi a parte, senza di loro non avrei potuto andare con la videocamera buona, li ringrazio davvero di cuore per questo.

Thony

Thony live at MiAmi 2012, circolo Magnolia
on Burning Nights!
in collaborazione con: 1080Pixels

Il venerdi arrivo a danze iniziate, sulla Collinetta di Jack sta suonando Thony mi fermo ad ascoltarla. Chitarra, voce e batteria. Mi ricorda molto le cantautrici americane come Cat Power, Patti Smith, ma anche PJ Harvey, nulla di particolarmente originale, ma mi piace abbastanza perché funziona l’atmosfera che riesce a creare. Per un momento ti senti oltreoceano, per un momento ti lasci cullare dalle modulazioni vocali e dalle vibrazioni elettroacustiche della chitarra; la batteria é leggera, presente ma senza senza irruenza prevaricatrice.. funziona.
Il sole é ancora alto e la voce di Thony é perfetta per chi é sdraiato, pancia all’aria, sulla collinetta di Jack.

Io però sono già entrato nel mood festivaliero, e appena finisce mi lancio sotto l’altro palco a sentire che viene proposto..


é il tramonto che arriva sul palco Pertini proprio mentre salgono sul palco gli Amor Fou.
Ho un ricordo non troppo felice di un loro live due anni prima, stesso festival, stesso palco. Quella volta mi ero annoiato parecchio. tuttavia mi sembra giusto sentire che é successo in due anni.. possono succedere molte cose in due anni, quindi stiamo a vedere/sentire..

Amor Fou

Amor Fou live at MiAmi 2012, circolo Magnolia
on Burning Nights!
in collaborazione con: 1080Pixels

Due fenicotteri rosa vengono riempiti di elio e appesi a volare sul palco. Vicino alla batteria un dinosauro. La band si presenta sul palco con delle maschere di carta. Dopo qualche canzone se le tolgono.

Gli Amor Fou sono una band pop. Hanno sonorità abbastanza modaiole, orecchiabili per tutti, su cui però mettono testi più complessi, nei loro brani si alternano elementi di mondanità con riflessioni sulla contemporaneità più ampi, un filo disillusi, ma non vuoti.

Personalmente continuano a non piacermi troppo, però é una questione di gusti personali, li ho comunque apprezzati più dell’ultima volta, é giusto dirlo. Gli elementi scenografici portati sul palco però mi sono sembrati abbastanza fini a se stessi.. ma il pop funziona così, l’importante, nel pop, é lo show.


Mi sposto un po’ ai piedi della collinetta, sul palco c’é Nicolò Carnesi.
non so praticamente nulla di lui, purtroppo quando passo di li sta facendo gli ultimi pezzi.. mi fermo a sentire com’é.

Nicolò Carnesi

Nicolò Carnesi live at MiAmi 2012, circolo Magnolia
on Burning Nights!
in collaborazione con: 1080Pixels

Il suo é un cantautorato rock, di quelli che ti vogliono dire qualcosa, ma ancora più importante di quel che ti dicono é e che ti arrivino dentro, che ti facciano sentire quello che stanno suonando. Non so se ho reso l’idea..

Musicalmente é abbastanza orecchiabile, i suoi pezzi si possono tranquillamente cantare/gridare, eppure qualcosa mi pare frivolo nel complesso.. non so cosa ma mi sembra che non ci sia poca carne al fuoco, può essere solo un impressione però.. bisognerebbe ascoltarlo meglio di quanto abbia fatto io sul momento (l’ho beccato solo su un pezzo e mezzo praticamente, poco per valutarlo).

Sul finale però la musica prende il sopravvento e mi piace. Non é particolarmente originale, ma la virata al caos sonoro mi piace, e qui proprio non me l’aspettavo. Buona così, mi ri-sposto contento.


Sul palco Pertini stanno ancora suonando gli Amor Fou, ascolto l’ultima canzone e poi é pausa. Palchi vuoti per qualche minuto.

Amor Fou

Amor Fou live at MiAmi 2012, circolo Magnolia
on Burning Nights!
in collaborazione con: 1080Pixels


Tempo di cambiare palco e sul Pertini salgono gli Aucan.

Dopo pochissimi pezzi la security fa allontanare i fotografi da sottopalco.. in realtà le condizioni di ripresa sono molto difficili, molto buio, e molto fumo sul palco. credo che nessuno sia riuscito a vedere gli Aucan in faccia, nemmeno dalle prime file.. dal canto mio provo a riprendere qualcosa da lontano ma non é semplice.

Personalmente non capisco bene questa scelta, é la stessa fatta dai Verdena l’anno precedente, boh.. a me pare un po’ menosa.. Anacronistica.
comunque é una loro scelta. Non ha troppo senso discuterla. siamo qui per la musica, e loro musicalmente spaccano, l’energia é davvero notevole e la folla ne gode. Parecchio. Aucan.


Prima di spostarmi alla seconda parte del report anticipo qui una Black Interview a Thony raccolta verso la fine della serata.. é stata molto piacevole. Tra cocktail e zanzare ho rubato la luce di uno stand, nella zona bancarelle.. ma é inutile dica altro.. Thony:


%d bloggers like this: