Teste di legno verdi fritte alla fermata del treno.


domenica 19 febbraio 2012

Dopo la serata precedente a base di Iotatola e The Traveller, nel preserale di domenica mi trovo a Gheroarté, una delle migliori associazioni culturali che si trovano ad operare nel sud-ovest milanese.

Favole musicate dal mondo a Gheroarté

Lella Costa

L’evento di oggi non é esattamente nel topic di questo blog al 100%, ma visto che, all’ora dell’evento il sole stava già tramontando e, c’era una situazione di musica e parole ho deciso di farlo rientrare ugualmente.

Andrea Satta, voce storica dei Têtes de Bois, presenta un libro di cui più che autore é ispiratore e curatore: Ci sarà una volta, Favole di Mamme in Ambulatorio, una raccolta di racconti di fiabe raccontate dalle mamme, immigrate ed italiane, si trovano periodicamente per socializzare in un ambulatorio della perieferia romana. Ambulatorio dove Andrea Satta é pediatra di base.
Nel volume anche qualche testo di Dario Vergassola e Moni Ovadia, e dei disegni preparati apposta da Sergio Staino.


Alla presentazione, ad accompagnare Andrea Satta, ci sono due musicisti: Alessio Lega e Guido Baldoni, rispettivamente chitarra e fisarmonica, a leggere qualche brano invece si é proposta Lella Costa, tutto il ricavato dalle vendite di questo libro é destinato ad un progetto di Emergency.

Favole musicate dal mondo a Gheroarté

Andrea Satta, Alessio Lega, Guido Baldoni e Lella Costa

Se da un lato é fantastico che libere Associazioni Culturali riescano ad organizzare eventi come questo, con una risposta di pubblico notevole, é imbarazzante che le istituzioni locali non le sostengano economicamente, salvo poi fregiarsi di aver apposto il proprio patrocinio. Sarebbe il caso che gli enti pubblici incominciassero a sostenere in modo serio iniziative culturali serie, un vento così sicuramente sarebbe costato un cinquantesimo delle celebrazioni previste per, ad esempio, il Carnevale, ma credo con una rilevanza sociale volta all’integrazione culturale nettamente superiore. Meriterebbero di essere meglio sostenuti ed amplificati.


Favole musicate dal mondo a Gheroarté

Andrea Satta

L’incontro periodico che si svolge nell’ambulatorio romano é nato per favorire l’integrazione e la conoscenza reciproca tra persone di culture diverse, e sulla stessa falsa riga, durante l’incontro, sia i musicisti, sia gente del pubblico appartenente alla scuola d’italiano per stranzieri, interaqgisce direttamente raccontando qualche propria piccola storia. Sorvolando su qualche imbarazzante escursus, portato da qualcuno, relativo agli anni ’70 che con questo evento non c’entrano assolutamente nulla, ci si trova ad avere a vivere un confronto musicato dal vivo dove parole e musica oltre a raccontare qualcosa incontrano diverse culture, per certi versi, meno diverse tra loro di quando non possa sembrare se viste da fuori.

Alla fine di tutto mentre faccio dedicare una copia del libro per mia madre, chiedo ad Andrea Satta se vuole rispondere a qualche domanda, lui accetta di buon grado, ed ecco a voi la Black Interview ad Andrea Satta:


Me la prendo con calma anche dopo l’intervista, Gheroarté é un posto ricavato da una vecchia stazione ferroviaria (ormai in disuso) che mi piace molto, mi rilassa passarci del tempo, come nella connessa ciclofficina, Gherociclo. Scambio quattro chiacchiere con Marco e Stefania che lo gestiscono, quindi mi avvio verso casa.

Advertisements

About giack7

Cameramen Videomaker Director Of Photography View all posts by giack7

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: