Milano Film Festival 2011 – Martedi: I’m not Shorts


Il Martedi festivaliero inizia alla prima proiezione: inizio seguendo il gruppo A dei corti al’alba delle h. 15:00:

Si inizia con Axis and Allies di Ernst De Geer, lo linko anche se purtroppo é privo di sottotitoli nel link che ho trovato:


In questo caso un conflitto umano e storico viene rivissuto in una sera tra amici. Personalmente al di la delle buone intenzioni ho trovato questo cortometraggio mediamente noioso e girato male. Dove si sarebbe voluta l’ironia a fatica si strappa un sorriso, e non sempre si riesce. Questo corto ha ricevuto un premio nella serata conclusiva del festival… io ne sono rimasto tediato.

a seguire é un’altro cortometraggio che ho avuto la fortuna di trovare in rete, Babioles:


personalmente sono rimasto divertito da questo corto. Potrebbe essere letto come pessimista ma, la tenera ironia con cui é stata raccontata la sfortuna dei protagonisti, merita di essere apprezzata. Tecnicamente ben fatto. Meritevole nella sua semplicità.

Segue Rao Yi Sheng che personalmente non ricordo, quindi non ne parlo. Nel gruppo sono compresi anche: Io sono qui di Mario Piredda, dedicato ai Militari Italiani morti in seguito alla guerra in Kosovo:


Una tematica scottante, dove dei servitori dello stato sono stati, dallo Stato, traditi, per lo più nel silenzio mediatico. La guerra del Kosovo ha semintao centinaia di cancri nei militari italiani, condannandoli a morte. Il Corto é girato bene, tuttavia non lascia un marchio di alcun tipo.. come lo si vede, lo si sente, e lo si sorpassa, nella sua linearità. Uno sguardo comuqnue lo merita, bravi anche gli attori.

A chiudere il gruppo é: La Huida, di Victor Carrey. é un cortometraggio molto ritmato e ben girato, il racconto di un momento, da tanti punti di vista, solido e divertente, ho trovato solo il trailer, enjoy:


se vi capita vedetelo, vale la pena. Anche questo corto ha ricevuto dei premi in chiusura del festival se non ricordo male.

Dopo questi corti vado ad arrampicare con un po’ di amici ma sarebbe fuori tema parlarne, quindi ritorno a bomba a quando, dopo l’arrampicata, torno al festival giusto in tempo per vedere un po’ di I’m Not There, é una sera calda ed é bellissimo godersi questo grande film in pantaloni corti alla brezza del Parco Sempione, proprio dietro il Castello Sforzesco. Dispiace solo un po’ che quest’anno abbiano tolto le proiezioni con le sdraio.. su questa proiezione notturna sarebbero state d’oro. I’m Not There meriterebbe di essere visto e ri-visto solo per l’interpretazione sbalorditiva di Cate Blanchett, e nonostante tutto ci sono altri motivi validissimi altrettanto validi.

Cate "Dylan" Blanchett

I'm Not There di Todd Haynes


I’m Not There é un piccolo capolavoro contemporaneo del geniale Todd Haynes, dove per raccontare una personalità artistica, invece di limitarsi ad un biographic movie ci si allunga alla rappresentazione della personalità artistica del soggetto, per quello che é stata ma soprattutto per quello che ha trasmesso a generazioni e persone di tutto il mondo. Il risultato é stradbiliante, girato con la proporzionata e sincera poesia visiva che, la macchina cinematografica, é in grado di fornire. Questo film viene introdotto da Randall Poster, uno degli ospiti d’onore del Festival 2011 che si é occupato di sovrintendere la selezione musicale di questo e di altri bellissimi film.

Finito I’m Not There, visto con Dabol-G, é notte e si torna a casa. domani é un altro giorno di Festival. yeo

Cate "Dylan" Blanchett

I'm Not There di Todd Haynes

Advertisements

About giack7

Cameramen Videomaker Director Of Photography View all posts by giack7

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: